Papi

Duchi Re Zar Imperatori

Scienziati Musicisti Aiuto

Religiosi

Presidenti Condottieri Generali Artisti Scrittori email

Cerca il tuo personaggio:

Testi di Giuseppe Campanaro per il programma GR Storia di Radio Blu Sat 2000

site developped by GioeleWeb.it

 

STEF Di fronte ad avvenimenti come il trattato firmato a Campoformio, c’è da perdere la testa. E il nostro prossimo servizio è dedicato proprio alle malattie mentali, un campo in cui il francese Philippe Pinel, medico, psichiatra e riformatore sociale si è distinto riformando l’attività delle istituzioni parigine e sostenendo la necessità di un trattamento più umano per i malati mentali.

Dottor Pinel, esercitare la professione di medico, nel suo caso, possiamo dire che è stata una vocazione?

 

LUCIO Ho intrapreso la carriera nel campo della medicina solo in un secondo tempo, perché ho frequentato prima il seminario di Lavaur per diventare sacerdote, ma dopo aver preso gli ordini minori ho abbandonato la carriera ecclesiastica e mi sono iscritto all’Università di Tolosa, dove mi sono laureato in matematica.  

 

STEF E quando si è dedicato alla medicina?

 

LUCIO Ovviamente dopo la laurea in matematica. Infatti mi sono iscritto all’università di Montpellier, dove ho studiato medicina per cinque anni e per mantenermi agli studi aiutavo gli studenti a scrivere le loro dissertazioni in latino. Un lavoro molto faticoso, ma che mi è stato molto utile in seguito.

 

STEF Ed è da questa esperienza che ha maturato l’interesse per le malattie mentali?

 

LUCIO No. Purtroppo è stato un avvenimento doloroso, la morte di un mio caro amico, a rivolgere il mio interesse verso questo tipo di malattia. Lo scoppio della Rivoluzione mi ha consentito di frequentare studiosi di gran fama, come Cabanis, che si stava occupando della riforma medica. Proprio Cabanis ha avuto fiducia nelle mie capacità e mi ha introdotto nel circolo frequentato dai riformatori sociali rivoluzionari.  

 

STEF È possibile curare le malattie mentali?

 

LUCIO Guardi, fino a poco tempo fa, i malati di mente venivano ricoverati all’Ospedale Maggiore per sei settimane. Se in questo periodo non sopraggiungeva alcun miglioramento, venivano trasferiti al Salpêtrière o al Bicêtre, un ospedale psichiatrico, dove venivano custoditi senza troppe attenzioni, spesso in compagnia di comuni delinquenti. Non solo, ma la gente poteva divertirsi alle loro spalle e passare un pomeriggio pagando un biglietto d’ingresso.

 

STEF In cosa consiste la sua riforma?

 

LUCIO Innanzitutto, il malato di mente è una persona come tutte le altre e in quanto tale dev’essere tenuto sotto controllo e dev’essere curato in modo umano. La prima cosa che ho fatto quando sono diventato direttore dell’ospedale psichiatrico di Bicêtre è stata quella di far togliere le catene agli ammalati. Naturalmente questo provvedimento ha riguardato solo i pazienti più calmi; per quelli più agitati ho fatto invece ricorso alla camicia di forza per tenerli immobili.

   


Papi ] Religiosi ] Duchi Re Zar Imperatori ] Presidenti Condottieri Generali ] Scienziati ] Artisti ] Musicisti ] Scrittori ] Aiuto ]

Torna inizio pagina